Studio Bellan

Contributi e...

Contributi e Credito d’imposta a favore delle imprese turistiche

Contributi e Credito d’imposta a favore delle imprese turistiche

12 gen, 22

Studio Bellan

Letto 199 volte

Si tratta di una misura che prevede un contributo in forma di credito d’imposta e un contributo a fondo perduto finalizzati a migliorare la qualità dell'offerta ricettiva in coerenza con gli obiettivi perseguiti dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.
Le domande vengono valutate in base all’ordine cronologico di arrivo e finanziate per un minimo di 3.700 richieste e fino ad esaurimento della dotazione finanziaria.

 

Beneficiari
Gli incentivi sono riconosciuti a favore delle imprese alberghiere, delle strutture che svolgono attività agrituristica, alle strutture ricettive all'aria aperta, nonché alle imprese del comparto turistico, ricreativo, fieristico e congressuale, ivi compresi gli stabilimenti balneari, i complessi termali, i porti turistici, i parchi tematici, inclusi i parchi acquatici e faunistici
Ciascuna impresa turistica può presentare una sola domanda di incentivo per una sola struttura di impresa oggetto di intervento. La sede operativa dev’essere in Italia e già attiva al momento della presentazione della domanda. In caso di opere murarie e impianti, l’immobile deve possedere la destinazione d’uso compatibile con l’attività svolta. 


I soggetti beneficiari:

  •  devono gestire una attività ricettiva o un servizio turistico in immobili o aree di proprietà di terzi in virtù di un contratto regolarmente registrato, da allegare obbligatoriamente alla domanda;
  • ovvero, devono essere proprietari degli immobili oggetto di intervento presso cui sono esercitati l'attività ricettiva o il servizio turistico.
  • non devono trovarsi in condizione di fallimento o di liquidazione, e dovranno trovarsi in condizione di regolarità contributiva, di regolarità con la normativa antimafia e di regolarità fiscale.

 

Entità degli incentivi

  • Credito di imposta fino all’80% delle spese ammissibili sostenute
  • Contributo a fondo perduto fino al 50% delle spese ammissibili sostenute, dal 7 novembre 2021 al 31.12.2024, fino ad un massimo di 40.000 €. Il contributo verrà erogato o in un’unica soluzione a saldo o sottoforma di anticipazione non superiore al 30% (con polizza fideiussoria) e saldo finale. 

 

Il contributo può essere aumentato come segue, anche cumulativamente:

  • fino ad ulteriori 30.000 euro, qualora l’intervento preveda una quota di spese per la digitalizzazione e l’innovazione delle strutture in chiave tecnologica ed energetica di almeno il 15 per cento dell’importo totale dell’intervento;
  • fino ad ulteriori 20.000 euro, qualora l’impresa o la società abbia i requisiti previsti per rientrare tra le azioni positive per l'imprenditoria femminile (articolo 53 del decreto legislativo 11 aprile 2006 n. 198) o nel caso di società cooperative e società di persone costituite in misura non inferiore al 60 per cento da giovani, o società di capitali le cui quote di partecipazione sono possedute in misura non inferiore ai due terzi da giovani e i cui organi di amministrazione sono costituiti per almeno i due terzi da giovani, o imprese individuali gestite da giovani, che operano nel settore del turismo; per giovani si intendono le persone con età compresa tra i 18 anni e 35 anni non compiuti alla data di presentazione della domanda;
  • fino ad ulteriori 10.000 euro, per le imprese la cui sede operativa è ubicata nei territori delle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

 

Spese ammissibili
Sono considerati ammissibili i seguenti interventi:

  •  interventi di incremento dell'efficienza energetica delle strutture;
  • interventi di riqualificazione antisismica 
  • interventi di eliminazione delle barriere architettoniche;
  • interventi di manutenzione straordinaria, di restauro e risanamento conservativo, di  ristrutturazione edilizia e installazione di manufatti leggeri, anche prefabbricati, funzionali alla realizzazione di interventi di incremento dell'efficienza energetica delle strutture e di riqualificazione antisismica e agli interventi di eliminazione delle barriere architettoniche;
  • la realizzazione di piscine termali, per i soli stabilimenti termali e l'acquisizione di attrezzature e apparecchiature per lo svolgimento delle attività termali;
  • l'acquisto di mobili e componenti d'arredo, ivi inclusa l'illuminotecnica, a condizione che tale acquisto sia funzionale ad almeno uno degli interventi di cui ai punti precedenti;
  • gli interventi di digitalizzazione esclusi i costi relativi alla intermediazione commerciale.

Gli interventi devono essere dettagliatamente progettati e corredati da relazione tecnica e dagli elaborati grafici dello stato di fatto, intermedio e di progetto.

 

Tempistica
Gli investimenti dovranno essere realizzati entro 24 mesi dalla data di pubblicazione degli elenchi dei beneficiari. E’ possibile richiedere un’ulteriore proroga fino a 6 mesi purchè si rientri nel termine ultimo del 31.12.2024.

 

Modalità di presentazione della richiesta e scadenza
La richiesta va presentata telematicamente entro trenta giorni successivi all’apertura della piattaforma online.

 

Rendicontazione
Tutti i documenti di spesa quietanzati e i pagamenti vanno caricati sulla stessa piattaforma online dall’inizio dell’intervento fino all’ultimazione dell’intero investimento.